Giovedì: libero _ Uscite in libreria: Luglio 2015

Vi sono mancata??
L’appuntamento di giugno, purtroppo, è saltato, quindi passiamo direttamente a questo luglio di fuoco!
Questo mese prevede ben due incontri con Israel J.Singer, la risposta di Sof’ja Tolstaja a Sonata a Kreutzer del marito, una raccolta dei grandi
omicidi americani (che per una patita di crimini come me non può certo mancare!) e per finire in bellezza un nuovo horror/thriller…

(trame riportate come da siti promotori)

Sender Prager
Israel J. Singer

8 €
Adelphi

Sono tutte in lacrime, le cameriere ebree del Praga, alla vigilia delle nozze del padrone: certo, hanno sempre saputo che lui andava a letto con tutte, “eppure ognuna era convinta in cuor suo che con lei si sarebbe comportato in modo diverso … l’avrebbe portata via dalla cucina per sistemarla dietro al bancone e metterla alla cassa a contare il denaro”. Ora, però, che nell’annuncio affisso in vetrina c’è scritto, nero su bianco, che “in onore del felice e fortunato matrimonio del proprietario di questo ristorante, Sender Prager, con la sua fidanzata, Edye Barenboim” i poveri del quartiere riceveranno un piatto di crauti e salsicce, hanno perso ogni speranza. Si è fidanzato all’improvviso, “quell’uomo solido e vigoroso, dagli occhi lucenti e dai capelli neri impomatati”: perché all’improvviso, a quarantaquattro anni, ha avuto paura della vecchiaia e della solitudine. Così, lui che delle donne non si è mai fidato, si è lasciato indurre dal suo rabbi a sposare quella ragazza di buona famiglia hassidica che ha la metà dei suoi anni e lo guarda “con i suoi grandi occhi neri impauriti”. “Dio del cielo,” implorano le cameriere “fagli pagare la nostra umiliazione…”. Al lettore scoprire, in questo magnifico e crudele racconto lungo del fratello “più talentuoso” di Isaac B. Singer (come ha scritto Harold Bloom), se Colui che tutto può le ascolterà.

Amore colpevole
Sof’ja Tolstaja

196 pp
12 €
Baldini & Castoldi

Il destino di Sof’ja Tolstaja, moglie di Lev Tolstoj, fu quello di vivere all’ombra di un uomo di genio, come spesso accade a una donna di talento. Sof’ja bruciò la sua prima novella (che impressionò Lev per la sua “forza di verità e semplicità”) e decise di dedicare tutta la vita al marito, divenendo non solo una devota compagna e madre dei suoi figli, ma anche un’attenta lettrice delle sue opere che corresse e trascrisse per lui. In “Amore colpevole”, del 1893, Sof’ja risponde a Tolstoj e alla sua spietata analisi del matrimonio contenuta nella “Sonata a Kreutzer”. E la gelosia il Leitmotiv, che corrode dapprima la fiducia e poi genera disprezzo. Ma Sof’ja non incolpa una delle due parti, bensì restituisce dignità a entrambe esplorando con finezza psicologica l’animo umano. Anna, una giovane bella e solare, ama la natura, legge, dipinge e sogna l’amore totale. Ha solo diciotto anni quando il trentacinquenne principe Prozorskij, folgorato dalla sua bellezza, la chiede in sposa. Convinta di aver trovato in lui il vero amore, dovrà invece scontrarsi con un marito capace di concepire questo sentimento solo come possesso carnale… Sarà un vecchio amico del principe, Bechmetev, uomo sensibile e incline all’arte, a farle conoscere quella consonanza di anime in cui crede, ma Anna non tradirà il marito né i suoi amati figli, bensì continuerà a lottare per il suo matrimonio. Fino a quando Prozorskij, roso dal dubbio e dalla gelosia, trasformerà quell’amore puro in un “amore colpevole”.

Omicidi americani *
Da Kennedy a Columbine i grandi fatti di sangue raccontati dai premi Pulitzer
AAVV
Curatore: Simone Barillari

14 €
307 pp
Minimum fax

Dall’assassinio del presidente Kennedy alla strage nel liceo Columbine (che ha ispirato il premio Oscar Bowling a Columbine di Michael Moore), dal giorno di follia di un veterano al celebre caso di due miliardari che uccidono un ragazzino pianificando il delitto perfetto (raccontato poi da Hitchcock in Nodo alla gola) fino alle uccisioni sacrificali di una setta, in questo volume sono raccolti otto dei più drammatici ed efferati fatti di sangue della storia americana, tutti raccontati da reportage premiati con il Pulitzer. Un libro ad alto tasso emotivo e un esempio di eccellenza giornalistica, arricchito da foto, pagine d’epoca e vignette: la grande antologia noir del Novecento americano.

• Columbine
• JFK
• Linciaggio
• Leopold e Loeb
• Gli angeli della morte
• Massacro all’università
• Il giorno di follia di un reduce
• Caccia all’uomo

Turisti in giallo
AAVV

354 pp
14 €
Sellerio Editore Palermo

Il delitto ama viaggiare. Anzi, da Arthur Conan Doyle e Agatha Christie in poi, il crimine quando si mescola con lo sradicamento del viaggiatore offre pagine gialle di accresciuto mistero, frutta più elaborate costruzioni di intreccio. Le piste sbiadiscono, i moventi diventano più confusi, più ingarbugliati gli enigmi quando vengono da lontano con i turisti. Una vetta valdostana ha inghiottito per sempre uno scalatore: Rocco Schiavone, il poliziotto romano creato da Antonio Manzini con un cuore tenero sotto strati di scuro, deve salire dove mai vorrebbe per vedere la montagna assassina. Petra Delicado, barcellonese e femminista ispettrice inventata da Alicia Giménez-Bartlett, scopre da dove viene il corpo della prostituta abbandonata in un fosso. L’eroe dello scrittore Gaetano Savatteri si chiama Lamanna ed è un giornalista disoccupato; costretto a fare da guida turistica gli capita una strana coppia, un attempato signore con la sua giovanissima compagna straniera. Francesco Recami, con la sua penna, manda il pensionato della serie “Casa di ringhiera” a Firenze: caldo e confusione per un ricorrente thriller degli equivoci. Al tempo in cui ancora si coniavano le lire, Santo Piazzese trova un nuovo inghippo per il suo professor La Marca; sono venuti due scienziati americani per un seminario di biologia, ma di che molecole si occupano per davvero?

Perle e altri racconti
Israel J. Singer

184 pp
14,50 €
Passigli

“Sto ancora imparando da lui e dalla sua opera”: queste parole di Isaac B. Singer, Premio Nobel 1978, costituiscono la migliore introduzione alle opere del fratello Israel J. Singer. Il lettore italiano, che ha apprezzato opere di questo scrittore come “La famiglia Karnowski”, “I fratelli Ashkenazi”, “La pecora nera”, rimarrà incantato dalla forza e dalla varietà tematica dei suoi racconti. D’altra parte, come molti degli scrittori yiddish, Singer ha conosciuto la prima celebrità come autore di storie brevi: “Perle”, scritto nel 1919 e pubblicato a Varsavia sulla rivista modernista “Ringen” nel 1921 ha infatti preceduto di tredici anni il successo del romanzo “Yoshe Kalb”. E fu proprio “Perle” che attrasse l’attenzione di Abraham Cahan, potente editore del quotidiano newyorkese in yiddish “Forverts” sul quale Singer pubblicò molti scritti, e che gli assicurò la notorietà negli Stati Uniti e poi in Europa, ove Claudio Magris lo ha definito come “ultimo ‘classico’ della letteratura yiddish, e quindi uno degli ultimi classici del romanzo di stampo ottocentesco”.

Il grande male *
Georges Simenon

147 pp
18 €
Adelphi

Al centro di questo romanzo si staglia – occhiuta, dispotica, orgogliosa – una figura femminile tra le più memorabili delle tante che Simenon ci ha regalato: quella della signora Pontreau. Vedova, con tre figlie, barricata in una sprezzante e dignitosa miseria, la vediamo, in una delle prime scene a cui assistiamo, spingere giù dalla finestrella del granaio, con implacabile freddezza, il genero paralizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quell’inutile biondino dalle gambe molli, le consentirà di mettere le mani su una parte della proprietà e di riprendere un saldo controllo sulle figlie. Ma sullo sfondo, delirante e minacciosa, c’è un’altra donna, una vecchia domestica a ore, che forse ha visto, che forse ha dei sospetti, e che potrebbe parlare, o ricattarla. Perché tutto sia soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e sui colpevoli, e perché ogni cosa, il paese come la grande casa dalle finestre sprangate delle Pontreau, ripiombi in una calma sinistra, il prezzo da pagare sarà altissimo ma soprattutto occorreranno altre vittime. Con la crudele esattezza che è soltanto sua, Simenon ha ritratto una società arcaica e ripiegata su stessa, in cui è il potere delle donne a decidere della vita e della morte.

Musica dalla spiaggia del paradiso
John Ajvide Lindqvist

426 pp
18,50 €
Marsilio

Una mattina d’estate, un gruppo di ospiti di un campeggio non lontano da Stoccolma si risveglia in mezzo al nulla. Ogni cosa è stata cancellata, gli alberi, il lago, gli scogli e il chiosco, è tutto scomparso. Intorno ai villeggianti increduli – dieci persone, un cane e un gatto – c’è solo una landa desolata, ricoperta da un prato perfettamente rasato e sovrastata da un cielo blu e senza sole, così uniforme da apparire artificiale. Ogni contatto con la realtà è interrotto. Non rimane che il segnale di una misteriosa stazione radiofonica, che trasmette senza sosta le canzoni di Peter Himmelstrand, uno dei più noti cantautori svedesi di musica leggera. Musica pop a ripetizione, Abba in testa. Com’è possibile che queste persone siano finite lì con le loro roulotte? Sono state spostate oppure è la realtà a essere svanita? In questo luogo surreale, capace di scatenare le reazioni più violente e irrazionali, ogni adulto si troverà a fare i conti con gli spettri del passato. Sovvertendo gli schemi classici della “camera chiusa” della letteratura del terrore, Lindqvist non intrappola i suoi personaggi in uno spazio angusto e senza via d’uscita, ma li cala in un luogo sconfinato e senza ostacoli, da cui tuttavia è impossibile fuggire. Perché non esiste un altrove se non l’abisso altrettanto minaccioso della coscienza.

* Riedizione

Annunci

2 thoughts on “Giovedì: libero _ Uscite in libreria: Luglio 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...